Ristorante 119 – Tricase (Le)

Apre a novembre 2019 e si imbatte nel lockdown, rinasce a giugno 2020, “the day after“. Il Patron Andrea Martella è un affermato volitivo manager, che intuisce l’opportunità di aprire un ristorante inserito nella perla dell’Hotel Callistos e organizza un team di giovani Tricasini, decisi a scalare il consenso gastronomico territoriale.

It opens in November 2019 and runs into the lockdown, reborn in June 2020, “the day after”. Patron Andrea Martella is an established manager, who senses the opportunity to open a restaurant inserted in the pearl of the Hotel Callistos and organizes a team of young Tricasini, determined to scale the territorial gastronomic consensus.

 

 

Il futuro sorride agli audaci ed Atavolacoidelfini ben indirizzata, si tuffa quale Explorer di questa novità.

The future smiles at the daring and well addressed Atavolacoidelfini, dives as Explorer of this novelty.

In cucina lo Chef Mauro Zito, con a disposizione una cucina moderna ed il meraviglioso prodotto che il Salento sa offrire. La sala del ristorante è accattivante, di stile newyorkese, sotto i portici ombreggianti dell’Hotel.

In the kitchen Chef Mauro Zito, with a modern kitchen and the wonderful product that Salento can offer. The restaurant room is captivating, New York-style, under the hotel’s shady arcades.

La nostra Chef Tiziana Ingrassia, “gigioneggia” per la ritrovata normalità!

Our Chef Tiziana Ingrassia, “gigioneggia” for the newfound normalcy!

La degustazione

The tasting

Antipasti: filetti di sgombro con ricotta mantecata, datterino giallo e basilico e il battuto di fassona con cipollotto, datterini e salsa al tuorlo d’uovo, accompagnati con degli ottimi biscotti sablè ai semi di finocchio, pane con lievito madre e grissini al sesamo.

Appetizers: mackerel fillets with creamed ricotta, yellow datterino tomatoes and basil and the fassona meat with onion, datterino tomatoes and egg yolk sauce, accompanied with excellent fennel sablè biscuits, bread with mother yeast and sesame bread sticks.

Primi piatti: ravioli di burrata con pesto di pistacchi e tartare di pomodorini freschi e chitarrina trafilata al bronzo alla carbonara di mare, entrambe le paste fresche prodotte dallo Chef.

First courses: burrata ravioli with pistachio pesto and fresh cherry tomatoes tartare and bronze carbonara sea-drawn chitarrina, both fresh pasta produced by the Chef.

Secondi piatti: calamaro ripieno di cicorie su crema di ceci al rosmarino e petto d’anatra su insalata di finocchi , arance e salsa di soia.

Main courses: squid stuffed with chicory on chickpea cream with rosemary and duck breast on fennel salad, oranges and soy sauce.

Dessert: crostata scomposta alla frutta mista.

Dessert: mixed fruit tart.

Vino in abbinamento: Col Bajè Pinot Grigio 2016 – Az. Agr.La Tunella

Wine pairing: Col Bajè Pinot Grigio 2016 – Az. Agr.La Tunella

 

La cucina del giovane Chef, mostra profumi intensi anche marcati e scelte strutturate, in effetti ha a disposizione una grande materia prima ed un confronto territoriale in prevalenza di Trattorie gaudenti.

The young Chef’s kitchen shows intense scents, also marked and structured choices, in fact it has a great raw material and a territorial comparison prevalently of delightful trattorias.

La sala incontra il consenso dei suoi ospiti, ma l’equilibrio e soprattutto l’identità della proposta è tutta da scrivere. Un ristorante da seguire con attenzione, dove bere bene e cenare in un’atmosfera elegante è cosa fatta, lo stile culinario da realizzare.

The room meets the consent of its guests, but the balance and above all the identity of the proposal is all to be written. A restaurant to be followed carefully, where drinking well and dining in an elegant atmosphere is a thing done, the culinary style to be created.

Atavolacoidelfini scout 😀

Francesco Pignatelli

Autore: Francesco Pignatelli

Di cultura Agronomica, Product Specialist in Nutrizione, Nefrologia, Anestesia e Rianimazione, Cardiologia, Sommelier, Master in Viticoltura Enologia e Marketing del Vino. Natura, viaggi, sport, vino e nutraceutica sono la mia visione del benessere. Siamo quello che mangiamo, la convivialità apre la via ad amicizie e scoperte di valore. Leggere è un privilegio, un'opportunità incalcolabile, incontrare e comprendere il pensiero di ogni autore, l'infinito brusio di librerie e biblioteche sempre più digitali. *Of Agronomic Culture, Product Specialist in Nutrition, Nephrology, Anesthesia and Resuscitation, Cardiology, Sommelier, Masters in Viticulture, Wine and Wine Marketing. Nature, travel, sport, wine and nutraceuticals are my vision of wellness. We are what we eat, conviviality opens the way to friendships and discoveries of value. Reading is a privilege, an incalculable opportunity, to meet and understand the thought of every author, the infinite buzz of increasingly digital libraries and libraries.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *