Come il clima influisce sulle abitudini di produzione del vino

Il clima si modifica, il surriscaldamento è l’evento più temuto in agricoltura, la siccità con temperature estreme ed improvvise, colture in difficoltà di giungere a maturazione, di perfezionare il ciclo vegetativo e biologico. Risulta in discussione l’adattamento a climi e territori, compromettendo le attività commerciali a loro strettamente connesse.

The climate changes, overheating is the most feared event in agriculture, drought with extreme and sudden temperatures, crops in difficulty to reach maturity, to perfect the vegetative and biological cycle. Adaptation to climates and territories is under discussion, compromising the commercial activities closely related to them.

La variazione di qualche frazione di grado, implica lo spostamento di latitudine verso nord, forse a beneficio per alcune colture ai limiti polari e danno d’aridità ai limiti equatoriali. Per queste esigenze, idriche e di stress evolutivo si interrogano esperti coltivatori della vite. Notizia recente che a Bordeaux , patria del Merlot, nella AOC di competenza, si siano autorizzate ben 6 varietà di produzione per il disciplinare. Di questo si parla anche in Franciacorta, già ben preparati con nuovi vitigni. Si investe molto nei vini PIWI di cui sono promotori e sostenitori decine di importanti cantine di ogni regione d’Italia.

The variation of a few fractions of degrees implies the shift of latitude to the north, perhaps to the benefit of some crops at the polar limits and damage of aridity to the equatorial limits. For these needs, water and evolutionary stress, expert vine growers ask themselves. Recent news that in Bordeaux, the home of Merlot, in the AOC of competence, 6 varieties of production have been authorized for the specification. This is also talked about in Franciacorta, already well prepared with new vines. There is a lot of investment in PIWI wines, of which dozens of important wineries from every region of Italy are promoters and supporters.

Nei disciplinari DOC e DOCG, oggi DOP sono in discussione gli allargamenti e le variazioni dei vitigni concorrenti. In realtà le “fascette di garanzia” di produzione e le numerazioni sono sempre più rispondenti alla produzione del volume territoriale e sempre meno alla garanzia identitaria dell’etichetta.

In the DOC and DOCG disciplines, today DOP the widenings and variations of competing vines are under discussion. In reality, the production “guarantee bands” and numbers are increasingly responsive to the production of the territorial volume and less and less to the identity guarantee of the label.

Alcune aziende preferiscono uscire dalle DOP e produrre in IGT, meno vincolante e già adeguata per protocollo ad accogliere varianti. In realtà la storia della vite ci racconta di viaggi e percorsi di migliaia di chilometri, della fondamentale caratteristica di questa pianta di sapersi adattare bene soprattutto in habitat difficili, regalando prodotti di gran qualità dove l’uomo ha fatto la differenza coltivandola e trasformandola in vino. Molti concordano che un vitigno diviene territoriale dopo alcune generazioni di produzione, quando esprime in bottiglia caratteristiche del terroir acquisito.

Some companies prefer to leave the PDO and produce in IGT, less binding and already adequate for the protocol to accommodate variants. In reality, the history of the vine tells us of journeys and routes of thousands of kilometers, of the fundamental characteristic of this plant of being able to adapt well especially in difficult habitats, giving high quality products where man has made the difference by cultivating it and transforming it into wine . Many agree that a grape becomes territorial after a few generations of production, when it expresses characteristics of the acquired terroir in the bottle.

Si spianta il melo in Trentino e si piantano viti per ottenere vini già molto buoni, si reimpianta in Cina dopo centinaia di anni e si comincia a vinificare in modo fine, nota la qualità dei vini in Sud Africa e Napa Valley, la storia del vino, viaggiatore e compagno corroborante di tanti esploratori.

The apple tree is planted in Trentino and vines are planted to obtain already very good wines, it is replanted in China after hundreds of years and it begins to vinify finely, note the quality of the wines in South Africa and Napa Valley, the history of wine , traveler and invigorating companion of many explorers.

Si esalta quindi il tema dell’identificazione delle etichette e quindi il valore della produzione delle “parcelle produttive”. In questo argomento a fare da apripista sono i vigneron francesi, metodo che ha consentito a tanti piccoli produttori con pochi ettari di vedere gratificato il proprio lavoro, un riconoscimento inequivocabile di tracciabilità.

The theme of label identification is therefore enhanced and therefore the production value of the “production parcels”. In this topic, the French vigneron are the forerunners, a method that has allowed many small producers with a few hectares to see their work gratified, an unequivocal recognition of traceability.

Le associazioni dei produttori sono numerose e dotate di barriere distintive di stile e filosofia produttiva, compresse dalla spinta del mercato che sfilaccia accordi e propositi. L’attenzione si sposta sull’etichetta, meglio se numerata, la quale ci racconterà sempre con maggiore chiarezza il contenuto  imbottigliato dove ed in quali proporzioni, origini e provenienza derivi. Il vino purchè fatto con la migliore  uva sarà sempre una storia fantastica con l’avventura di riconoscerlo come tale, dopo averne stappato la bottiglia, molto oltre le comprensibili barriere protettive territoriali.

The producers associations are numerous and have distinctive barriers of style and production philosophy, compressed by the thrust of the market that frays agreements and resolutions. Attention shifts to the label, better if numbered, which will always tell us more clearly the content bottled where and in what proportions, origins and provenance it derives. Provided the wine is made with the best grapes, it will always be a fantastic story with the adventure of recognizing it as such, after uncorking the bottle, far beyond the understandable territorial protective barriers.

Atavolacoidelfini inetichetta 🙂

Francesco Pignatelli

Autore: Francesco Pignatelli

Di cultura Agronomica, Product Specialist in Nutrizione, Nefrologia, Anestesia e Rianimazione, Cardiologia, Sommelier, Master in Viticoltura Enologia e Marketing del Vino. Natura, viaggi, sport, vino e nutraceutica sono la mia visione del benessere. Siamo quello che mangiamo, la convivialità apre la via ad amicizie e scoperte di valore. Leggere è un privilegio, un'opportunità incalcolabile, incontrare e comprendere il pensiero di ogni autore, l'infinito brusio di librerie e biblioteche sempre più digitali. *Of Agronomic Culture, Product Specialist in Nutrition, Nephrology, Anesthesia and Resuscitation, Cardiology, Sommelier, Masters in Viticulture, Wine and Wine Marketing. Nature, travel, sport, wine and nutraceuticals are my vision of wellness. We are what we eat, conviviality opens the way to friendships and discoveries of value. Reading is a privilege, an incalculable opportunity, to meet and understand the thought of every author, the infinite buzz of increasingly digital libraries and libraries.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *