Osteria da Camillo – Poggibonsi (Si)

Cittadina fra le valli del Chianti, con produzioni di vino e olio, celebre per la manifestazione del “Pigio” dell’uva, nota per la classica cucina toscana, sgomita sulla via Cassia Antica quale ultimo comune Senese, prima di arrivare a Firenze. In piazza da 2 anni Melissa e Federico hanno rilevato la storica “Osteria da Camillo” e noi di Atavolacoidelfini siamo andati a trovarli.

Town in the valleys of Chianti, with wine and oil production, famous for the manifestation of the “Pigio” of grapes, known for the classic Tuscan cuisine, elbowed on Via Cassia Antica as the last Sienese municipality, before arriving in Florence. In the square for two years Melissa and Federico have taken over the historic “Osteria da Camillo” and we at Atavolacoidelfini went to find them.

In cucina Federico dopo una esperienza di circa un anno con lo Zio cuoco di lungo corso, si affianca con l’aiuto cuoco Naomi con gli occhi a mandorla e ne viene fuori una cucina gentile che ammorbidisce  le intensità tradizionali della cucina Toscana.

In the kitchen Federico after an experience of about a year with his long-time uncle chef, he joins with the help of Naomi cook with almond-shaped eyes and comes out a gentle cuisine that softens the traditional intensity of Tuscan cuisine.

 

 

Degustazione

Antipasti: cubetti di lingua con maionese al prezzemolo e polvere di cappero, bocconcini di poppa (la più buona finora degustata), flan di cipolle con fonduta di pecorino allo zafferano e crumble al rosmarino (elegante e raffinato).

Primi piatti: tagliatelle al ragù di cinta senese e pici ai carciofi e pecorino.

Secondi piatti: tagliata di manzo “gnuda”, il lampredotto alle bietole (ottimo) e radicchio tardivo all’aceto balsamico.

Dessert: il “tirasanto” ovvero cantucci affogati al vinsanto e mascarpone e crostata di ricotta, pere e cioccolato.

Vino in abbinamento: “Gorgottesco” Toscana IGT rosso 2015 – La Spinosa

 

Tasting

Appetizers: cubes of language with parsley mayonnaise and caper powder, steak morsels (the best tasted so far), onion flan with pecorino cheese fondue with saffron and rosemary crumble (elegant and refined).

First courses: tagliatelle with Cinta Senese ragout and pici with artichokes and pecorino.

Second courses: sliced ​​”gnuda” beef, lampredotto with chard (excellent) and late radicchio with balsamic vinegar.

Dessert: the “tirasanto” cantucci drowned in vinsanto and mascarpone and ricotta, pear and chocolate tart.

Wine pairing: “Gorgottesco” Toscana IGT red 2015 – La Spinosa

Ottima la “ciccia” ed i tagli ricercati della convivialità toscana, innaffiati da tanto vino sempre di buona struttura, la materia prima ricercata con grande impegno da Melissa e Federico sono una garanzia di sapori, al resto ci pensa la passione di Federico “Cuoco di qualità”.

Excellent “flesh” and the refined cuts of Tuscan conviviality, washed down with a lot of wine always with good structure, the raw material sought after with great commitment by Melissa and Federico are a guarantee of flavors, Federico’s passion takes care of the rest quality”.

Atavolacoidelfini inPiciati 🙂

Francesco Pignatelli

Autore: Francesco Pignatelli

Di cultura Agronomica, Product Specialist in Nutrizione, Nefrologia, Anestesia e Rianimazione, Cardiologia, Sommelier, Master in Viticoltura Enologia e Marketing del Vino. Natura, viaggi, sport, vino e nutraceutica sono la mia visione del benessere. Siamo quello che mangiamo, la convivialità apre la via ad amicizie e scoperte di valore. Leggere è un privilegio, un'opportunità incalcolabile, incontrare e comprendere il pensiero di ogni autore, l'infinito brusio di librerie e biblioteche sempre più digitali. *Of Agronomic Culture, Product Specialist in Nutrition, Nephrology, Anesthesia and Resuscitation, Cardiology, Sommelier, Masters in Viticulture, Wine and Wine Marketing. Nature, travel, sport, wine and nutraceuticals are my vision of wellness. We are what we eat, conviviality opens the way to friendships and discoveries of value. Reading is a privilege, an incalculable opportunity, to meet and understand the thought of every author, the infinite buzz of increasingly digital libraries and libraries.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *