Polpessa alla luciana

Ingredienti per 2 persone

  • 600 g di polpessa dello Ionio
  • 250 g di pomodori datterino salsati pugliesi
  • 2 spicchi di aglio del Gargano
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di olive
  • pepe
  • un pezzettino di peperoncino
  • foglie di basilico

Togliere il becco, gli occhi e le interiora alla polpessa. Sciacquare velocemente sotto acqua corrente.

Sbucciare l’aglio e lavare il basilico.

Inserire tutti gli ingredienti (polpessa, pomodori, aglio, olio, pepe macinato, peperoncino e basilico) in una casseruola di terracotta, porre sul fuoco basso e con spargi fiamma, mettere il coperchio e cuocere per 1 ora circa, o finché inserendo i rebbi di una forchetta, questa penetri con facilità. Servire caldo con crostini di semola di grano duro.

Questo piatto può essere servito come antipasto, utilizzato per condire la pasta o come secondo.

Buon appetito

695

NB: Come tanti piatti della tradizione partenopea, anche il famoso “polpo alla Luciana” ha origine antiche. La sua storia è legata a quella del Borgo di Santa Lucia, rione di Napoli, a ridosso del Castel dell’Ovo. Si narra che i pescatori di questo borgo, detti “luciani” (da loro trae origine il nome del piatto) di sera, una volta rientrati a casa dopo una giornata passata in mare, fossero soliti cucinare i polpi appena pescati, nell’acqua di mare. La tecnica di pesca da loro utilizzata era detta “dell’anfora” ovvero di sera ponevano sott’acqua dei piccoli vasi di terracotta e sassolini bianchi, la mattina seguente li trovavano pieni di polpi pronti per essere cucinati.

La ricetta originale, non prevede aggiunta di acqua, da qui deriva il detto “o purp’ s’adda cocer’ rint’ all’acqua soja!” (Il polpo deve cuocere a lungo nella sua acqua!)

“Luciana” octopus

Ingredients for 2 people

  • 600 g of Ionian octopus
  • 250 g of Apulian datterino tomatoes
  • 2 cloves of garlic from the Gargano
  • 4 tablespoons of extra virgin olive oil
  • pepper
  • a small piece of chili pepper
  • basil leaves

Remove the beak, the eyes and the inside of the octopus Rinse quickly under running water. Peel the garlic and wash the basil.

Place all the ingredients (octopus, tomatoes, garlic, oil, ground pepper, chili pepper and basil) in a terracotta casserole, place on low heat, put the lid on andcook for about 1 hour, or until inserting the prongs of a fork, this penetrates easily.

Serve hot with croutons of durum wheat.

This dish can be served as an appetizer, used to season pasta or as a second course.

Enjoy your meal

NB: Like many traditional Neapolitan dishes, even the famous “Luciana octopus” has ancient origins. Its history is linked to that of the Borgo di Santa Lucia, district of Naples, near the Castel dell’Ovo. It is said that the fishermen of this village, called “luciani” (the name of the dish derives from them) in the evening, once they returned home after a day spent at sea, used to cook freshly caught octopus in the water of sea. The fishing technique they used was called “amphora” or in the evening they placed small earthenware jars and white pebbles under water, and the next morning they found them full of octopuses ready to be cooked.

The original recipe does not include the addition of water, hence the saying “or purp’ s’adda cocer ’rint’ with water soja! ” (The octopus must cook long in its water!)

Tiziana Ingrassia

Autore: Tiziana Ingrassia

Diplomata al liceo artistico, pittrice e restauratrice di dipinti ed opere lignee e murarie, da sempre ho la passione per la cucina. Ho frequentato corsi con chef e pasticceri, cuoche esperte e artigiani, produttori agricoli e caseari. Il paradiso è fra i fornelli ed i prodotti della natura, mare e terra, pianura e montagna. Chef Express, cucino con Cuochi e Chef di qualità e pubblico qui i miei piatti. *Graduated from the art school, painter and restorer of paintings and wooden and masonry works, I have always had a passion for cooking. I attended courses with chefs and confectioners, expert cooks and artisans, farmers and dairy producers. Paradise is among the cookers and products of nature, sea and land, plains and mountains. Chef Express, I cook with Chefs and Chef of quality and public here my dishes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *