Eventi food&wine

VinExpo 2019 – Bordeaux (Francia)

Dal 13 al 16 maggio 2019 a Bordeaux, Vinexpo, la maggiore fiera internazionale del vino e degli spiriti, ritorna con un evento strategico che è al 100% aziendale e al 100% internazionale. Quattro giorni per viaggiare nel mondo dei vini e dei liquori, incontrare i principali responsabili delle decisioni, fare affari, discutere le sfide strategiche che l’industria affronta e godono di un’esperienza immersiva circondata dal vigneti più prestigiosi.

From 13 to 16 May 2019 in Bordeaux, Vinexpo, the major international wine and spirits fair, returns with a strategic event that’s 100% business and 100% international. Four days to travel the world of wines and spirits, meet the key decision-makers, do business, discuss the strategic challenges the industry faces and enjoy an immersive experience surrounded by the most prestigious vineyards.

Di nostro prioritario interesse: “Vuoi una Rivoluzione (Digitale)…” La Futura crescita nelle vendite di vino online? Bordeaux, 14 maggio 2019

Of our priority interest: “Do  you want a (Digital) Revolution…” Future growth in online wine sales? Bordeaux, 14 may 2019.

La rivoluzione nel retail digitale sta già cambiando l’intero panorama produttore-consumatore e il modo in cui i consumatori acquistano vino e alcolici, in particolare il vino. Riconoscendo l’importanza del mercato al dettaglio digitale in rapida evoluzione, la pionieristica conferenza di Eine Commerce “Che cosa serve per vendere vino online” ha allineato sei principali CEO di aziende vinicole “e-tail” in tutto il mondo per trasmettere le loro conoscenze, esperienze e competenza e i cambiamenti che prevedono nei prossimi 10 anni.
I cinque principali amministratori delegati che hanno costituito il panel: Chris Tsakalakis, CEO di Vivino; Marco Magno Cavallo, CEO di Tannico; Mark Meek, CEO di IWSR, Mike Hu del gruppo cinese Alibaba Group  Tmall FMCG Business Unit e Martin Ohannesium, CEO di «Le Petit Ballon», sono stati invitati a considerare diversi modelli e approcci all’e-tail. Un rivenditore digitale, dovrebbe chiedersi: “Voglio davvero competere direttamente con i rivenditori convenzionali che vendono già il mio prodotto? Aggiungendo una parola di avvertimento sulla gamma di attività che un’azienda deve considerare come parte dell’offerta di vendita al dettaglio digitale, in questo caso il lato logistico, ogni rivenditore sul suo sito deve spedire con la stessa efficienza di cui abbiamo bisogno per ogni singolo acquisto. Se il rivenditore non corrisponde a quello standard, li rimuoviamo . “

The digital retail revolution is already changing the entire producer-consumer landscape and the way consumers buy wine and spirits, especially wine. Recognizing the importance of the rapidly changing digital retail market, the pioneering Eine Commerce conference “What it takes to sell wine online” has aligned six leading CEOs of “e-tail” wineries around the world to pass on their knowledge , experiences and expertise and the changes they expect over the next 10 years.
The five main managing directors who formed the panel: Chris Tsakalakis, CEO of Vivino; Marco Magno Cavallo, CEO of Tannico; Mark Meek, CEO of IWSR, Mike Hu of the Chinese group Alibaba Group Tmall FMCG Business Unit and Martin Ohannesium, CEO of «Le Petit Ballon», were invited to consider different models and approaches to e-tail. A digital retailer should ask themselves: ‘Do I really want to compete directly with conventional retailers who already sell my product?’ By adding a word of warning about the range of activities that a company must consider as part of the digital retail offer, in this case the logistics side, every retailer on his site must send with the same efficiency we need for every single purchase. If the retailer does not match the standard one, we remove them. “

Sono stati considerati diversi approcci e modelli di business, ad esempio:

1) Il modello di abbonamento è win to win per clienti e aziende; per le aziende, più facile da gestire e garantisce entrate ricorrenti, ma la soluzione è un piano di abbonamento mensile?
Meno imbottigliatori, meno rivenditori. Ma è importante che tu conosca davvero i profili dei tuoi acquirenti in modo da poter abbinare il prodotto al potenziale acquirente.
2) Big data: le aziende dovrebbero essere  guidate dai dati per servire meglio i loro clienti?
Come gestiamo i dati, come utilizzarli al meglio in un contesto di vendita al dettaglio digitale? Non è un compito facile, mettendo in prospettiva il tipo di numeri del database, 800 milioni di scansioni di utenti . «Questi sono numeri enormi, usati per creare profili di utenti.Per i produttori, questo tipo di dati potrebbe essere inestimabile. Il gruppo ha notato che i rivenditori/produttori più spesso non semplicemente non conoscevano le risposte a domande critiche come: quanto spesso vengono scansionati i miei vini, dove sta andando il mio prodotto, chi lo sta bevendo?
Gli e-tailer possono fornire risposte a queste domande attraverso per aiutare i rivenditori a capire meglio cosa sta succedendo nel mercato e quindi instaurare relazioni più forti con i produttori, il che ovviamente avrebbe un grande valore per loro.

Different approaches and business models have been considered, for example:

1) The subscription model is win to win for customers and companies; for companies, easier to manage and guarantees recurring revenue, but the solution is a monthly subscription plan?
Fewer bottlers, less retailers. But it is important that you really know the profiles of your buyers so you can match the product to the potential buyer.
2) Big data: should companies be driven by data to better serve their customers?
How do we manage data, how to best use it in a digital retail environment? It is not an easy task, putting into perspective the type of database numbers, 800 million user scans. “These are huge numbers, used to create user profiles. For producers, this type of data could be invaluable. The group noted that retailers / producers more often than not simply didn’t know the answers to critical questions like: how often are my wines scanned, where is my product going, who is drinking it?
E-tailers can provide answers to these questions by helping retailers better understand what’s going on in the market and then building stronger relationships with producers, which would obviously be of great value to them.

3) Business diretto al consumatore per le cantine: sempre più cantine vendono direttamente ai consumatori, specialmente negli Stati Uniti – come influirà questa tendenza sull’e-commerce?
Le cantine scelgono quale prodotto vendere a quale prezzo con un sorprendente 25% di risparmio sui componenti logistici, di domanda e pagamenti, di magazzino e di consegna del ciclo produttore-consumatore.
4) Qual’è il prossimo e-commerce? Con l’avanzare della tecnologia dei dispositivi intelligenti, i consumatori stanno facendo sempre meno scelte, con i loro dispositivi mobili che prendono decisioni di marca per loro – di utilità, operatori mobili. Ma questa tendenza avrà un impatto solo nella parte bassa del mercato.

3) Direct consumer business for wineries: more and more wineries sell directly to consumers, especially in the US – how will this trend affect e-commerce?
The wineries choose which product to sell at what price with a surprising 25% saving on logistics, demand and payment components, stock and delivery of the producer-consumer cycle.
4) What is the next e-commerce? With the advancement of smart device technology, consumers are making less and less choices, with their mobile devices making brand decisions for them – utility, mobile operators. But this trend will have an impact only in the low end of the market.

Delfini direct 🙂

Related Posts