brunoise di verdure, carne di cinghiale, cucina pugliese, farina di grano tenero tipo1, formaggio vaccino, pasta fresca, primi piatti, puglia

Maltagliati al ragù di cinghiale e formaggio vaccino

Ingredienti per 2 persone

  • 180 g di maltagliati di farina di grano tenero macinata a pietra di tipo 1
  • acqua
  • 200 g polpa di cinghiale di Noci (Ba)
  • 1 carota
  • 1 cipolla dorata
  • 1 costa di sedano
  • aghi di rosmarino
  • 1 foglia di alloro
  • 150 g di passata di pomodori ciliegia
  • 100 ml di vino rosso
  • olio extra vergine di olive cellina di Nardò
  • 30 g di formaggio vaccino pugliese

Sulla tavola in legno adagiare la farina, fare il buco al centro ed inserire a filo l’acqua.

Lavorare l’impasto con le mani, formare una palla, dovrà risultare liscia e soda, ricoprirla con la pellicola e far riposare 20 minuti circa.

Stendere l’impasto in un unica sfoglia ad uno spessore di 2 mm, tagliare in modo irregolare. Far asciugare per almeno 1 ora.

Tagliare la polpa di cinghiale in piccolissimi pezzi e lasciarla marinare 1 ora nel vino rosso.

Pelare la carota e tritarla; togliere la prima foglia alla cipolla e tritarla; lavare, asciugare e tritare il sedano.

In una capiente casseruola far rosolare in olio le verdure tritate e l’alloro. Unire la carne di cinghiale e far rosolare per 10 minuti, aggiungere aghi di rosmarino tritati, il sale e il pepe al mulinello. Unire ora il vino della marinatura e far sfumare. Unire la passata di pomodoro, mettere il coperchio e cuocere per 1 ora circa.

Cuocere i maltagliati in abbondante acqua salata, scolarli e condirli con il ragù.

Impiattare i maltagliati al ragù di cinghiale rifinendo il piatto con formaggio vaccino grattugiato. Servire subito.

Buon appetito

In abbinamento: Negroamaro – Salento IGT 2012

615

Related Posts