Riso rosso alle zucchine e friggitelli alla crema di parmigiano e curcuma

Ingredienti per 2 persone

– 160 g di riso rosso
– 200 g di zucchine
– 6 peperoncini verdi (friggitelli)
– 1 spicchio di aglio
– 30 g di parmigiano reggiano
– 2 cucchiai di olio extra vergine di olive leccine
– 20 g di burro di panna
– curcuma in polvere
– foglie di basilico
– sale e pepe

Spuntare, asciugare e cubettare finemente le zucchine. Lavare, asciugare, togliere i semi e cubettare i peperoncini. Sbucciare l’aglio.

Rosolare in aglio e olio le zucchine e i friggitelli a fiamma vivace per 5 minuti. Salare e pepare. Togliere l’aglio e mettere da parte 2 cucchiai del composto. Ci serviranno per la decorazione del piatto.

Lessare il riso rosso in acqua salata per 18-20 minuti.

Grattugiare il parmigiano e frullarlo con la curcuma e 2 cucchiai di acqua di cottura della pasta.

Aggiungere il riso sgocciolato alle zucchine e friggitelli, parte della crema di parmigiano, il burro  e 4 foglie di basilico spezzate con le mani, amalgamare con cura.

Impiattare rifinendo il piatto con le zucchine e i friggitelli come in foto, il basilico e la restante crema di parmigiano ai lati del piatto. Servire subito.

Buon appetito

327

Tiziana Ingrassia

Autore: Tiziana Ingrassia

Diplomata al liceo artistico, pittrice e restauratrice di dipinti ed opere lignee e murarie, da sempre ho la passione per la cucina. Ho frequentato corsi con chef e pasticceri, cuoche esperte e artigiani, produttori agricoli e caseari. Il paradiso è fra i fornelli ed i prodotti della natura, mare e terra, pianura e montagna. Cucino con Cuochi e Chef di qualità e pubblico qui i miei piatti. *Graduated from the art school, painter and restorer of paintings and wooden and masonry works, I have always had a passion for cooking. I attended courses with chefs and confectioners, expert cooks and artisans, farmers and dairy producers. Paradise is among the cookers and products of nature, sea and land, plains and mountains. I cook with Chefs and Chef of quality and public here my dishes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *