Food&travel

L’Antro piccantino

Crispiano è una cittadina che respira l’aria del boschetto dell’Orimini, sulla strada per la valle d’Itria, un boschetto generoso per funghi, essenze ed erbe profumate, da sempre meta di biker ed appassionati di natura e verde, di qui proviene il fragno per affumicare il capocollo.

Nota anche per il presepe vivente, il Carnevale del Brigantino e per l’ottima carne che è possibile degustare nei tanti ristoranti.

Uno di questi è “L’Antro” dello chef Lino Lenoci, si arriva risalendo una delle tante salitelle e scalinate di questo paesino. Un tunnel di piacevolezze organizzato su tre piani, cantina in grotta e verande romantiche, arredate con un’eleganza da tutelare.

In questi tre anni di gestione diretta Lino ha portato con sé il bagaglio di giovane studente dell’alberghiero di Crispiano, che come tanti parte itinerante per l’Emilia Romagna, il Trentino, la Puglia e rientra a casa, riorganizza l’azienda agricola del padre, ulivi, ortaggi, vigna e tanto altro, ed apre questo scrigno di sensibilità e gusto.

La cucina ancorata ai prodotti della terra di casa, si basa sui prodotti da forno profumati, verdure di carattere, latticini, carni e derivati con sapori e gusti resi inconfondibili dalla sensibile cultura culininaria dello chef, che sa dare a questi ingredienti una qualità degustativa, che va oltre la tradizione territoriale su cui ha solidissime basi.

Antipasto ben speziato e provocante, che apre ai desideri culinari, un primo piatto con strascinate di ottimo equilibrio e struttura, ed un filetto in riduzione di primitivo morbidissimo.

La brillante Patrizia ci agevola un’ottimo Primitivo di Gioia del Colle di Tenuta Patruno Perniola, un vino che migliora ad ogni minuto, tirato fuori da una carta vini ben preparata.

I dolci sono da manuale e buoni come non ti aspetti, da questa pasticceria protocollata nelle proposte, ma inebriante nei sapori.

La cosa carina è che nell’Antro ci sono tanti angoletti avvolti da un sottofondo musicale scelto con cura, dove si può cenare o degustare anche un dolce con un ottimo vino o solleticarsi con bollicine scelte e abbinate in chiaro stile gourmet.

Lino ci è piaciuto davvero tanto ed è giusto sottolinearlo, ospitalità greca e dignità spartana, ok!

Delfini antrici 🙂

 

Related Posts