Zuppa di fagioli bianchi, pezzente e cruschi

Ingredienti per 2 persone

– 140 g di fagioli bianchi
– 1 costa di sedano
– 1 spicchio di aglio del Gargano
– 2 pomodori d’inverno
– 1 foglia di alloro
– peperoncino
– 150 g di salsiccia pezzente lucana
– 1 peperone crusco di Senise IGT
– 2 cucchiai di olio extra vergine di olive coratina

Posizionare i fagioli secchi in una ciotola colma di acqua e tenerli a bagno dalla sera precedente.

In una pentola di coccio inserire i fagioli e ricoprirli con acqua. Cuocere a fuoco basso e schiumare. Aggiungere ora la salsiccia pezzente a pezzi, il sedano, l’aglio, i pomodori privati dei semi e l’alloro. Cuocere con coperchio per 1 ora e 1/2 circa.

Quando cotti togliere l’aglio, la foglia di alloro e il sedano.

Impiattare la zuppa e rifinire con il peperone crusco e un buon giro d’olio evo.

Servire con crostini di pane casereccio al lievito madre.

Buon appetito

245

Il pezzente è una specialità lucana preparata con ritagli di macellazione del maiale condita con aglio, peperone secco in polvere e semi di finocchio.

Tiziana Ingrassia

Autore: Tiziana Ingrassia

Diplomata al liceo artistico, pittrice e restauratrice di dipinti ed opere lignee e murarie, da sempre ho la passione per la cucina. Ho frequentato corsi con chef e pasticceri, cuoche esperte e artigiani, produttori agricoli e caseari. Il paradiso è fra i fornelli ed i prodotti della natura, mare e terra, pianura e montagna. Chef Express, cucino con Cuochi e Chef di qualità e pubblico qui i miei piatti. *Graduated from the art school, painter and restorer of paintings and wooden and masonry works, I have always had a passion for cooking. I attended courses with chefs and confectioners, expert cooks and artisans, farmers and dairy producers. Paradise is among the cookers and products of nature, sea and land, plains and mountains. Chef Express, I cook with Chefs and Chef of quality and public here my dishes.

Un commento su “Zuppa di fagioli bianchi, pezzente e cruschi”

  1. Questa è una ricetta che richiama la LUCANITA’… Quella fatta dai nostri nonni… Dai nostri padri…Uomini e donne piegati sui campi.. arsi dal caldo del sole.. Con le mani caddose dai colpi di accerta nel bosco… Cu lì fascini ngapu ri lì fimmini… Gente che chicava u culurzu… Gente che nella loro modestia e semplicità… Altro non avean bisogno se non di calore di camino e buon CIBO..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *